Trieste Coffee Experts: torna in città il summit dei grandi protagonisti del caffè

Trieste Coffee Experts: torna in città il summit dei grandi protagonisti del caffè
Con Trieste Coffee Experts torna in città il summit che riunisce i grandi protagonisti del caffè italiano per parlare di futuro, innovazione e sostenibilità: l’anteprima in esclusiva alla TriestEspresso Expo A Trieste ottobre non è solo sinonimo di Barcolana ma, grazie alla TriestEspresso Expo, anche il mese dedicato al caffè, bevanda che rappresenta nel migliore dei modi la storia e l’evoluzione di questo meraviglioso territorio di confine. Evento nell’evento, alla decima edizione dell’importante fiera internazionale - che si terrà quest’anno in città dal 27 al 29 ottobre 2022 dopo lo stop causato dalla pandemia - sarà anche la presentazione dell’anteprima del Trieste Coffee Experts. L’importante manifestazione aprirà i suoi padiglioni a visitatori e appassionati provenienti da tutto il mondo, espositori, esperti e a tutti gli operatori del mondo del caffè. L’anteprima della sesta e attesissima edizione del Trieste Coffee Experts, evento che si è concretizzato nella sua quinta edizione nel periodo pandemico con la realizzazione del libro “CoffeExperts - New Wave of Coffee Culture”, verrà presentata durante la fiera da AndreaBazzara, Sales Manager della Bazzara Caffè. Trieste Coffee Experts è un summit che riunisce a Trieste i protagonisti del caffè italiano. Un’occasione di riflessione e confronto per affrontare i temi di maggior attualità che riguardano l’intero mondo della filiera del caffè. Un evento che attraverso il dialogo permette di individuare il modo migliore di affrontare le sfide del mercato e pone l’accento sulla necessità di fare rete e favorire lo scambio di conoscenze ed esperienze per incrementare le reciproche professionalità. Con Trieste Coffee Expertsil team Bazzara si impegna a valorizzare e promuovere la cultura dell’espresso di qualità: un evento che continui a favorire la nascita di sinergie fra i protagonisti del caffè italiano. “Trieste Capitale del Caffè® è un marchio registrato fortemente voluto dalla Camera di commercio Venezia Giulia e condiviso con il Comune di Trieste e con la Regione Friuli-Venezia Giulia – commenta il presidente camerale, Antonio Paoletti – per identificare anche come brand questo territorio e questa vocazione trasformata in realtà da centinaia d’anni. TriestEspresso Expo è la sintesi di ciò che questa città può vantare nei confronti del mondo. La collaborazione realizzata in questa decima edizione dal salone mondiale dell’espresso con il gruppo Bazzara prevede l’organizzazione dell’anteprima del Trieste Coffee Experts all’interno dell’evento fieristico, dimostrando quanto sia importante fare squadra tra le eccellenze del territorio”. Nel dettaglio, l’evento a firma Bazzara verrà presentato nel pomeriggio di venerdì 28 ottobre alle 14, nel contesto fieristico. Alcuni importanti personaggi provenienti da diversi settori caffeicoli apporteranno il loro contributo su “FUTURE COFFEE - Innovation &sustainabilityoriented”. Infatti, hanno già confermato la loro presenza grandi nomi del settore, tra cui quella di Giuseppe Biffi, che si occupa della trasformazione digitale delle imprese per la SiemensSpA, che afferma “in un contesto in cui l’obiettivo è fare rete e scambiare conoscenze in un settore così importante dell’industria italiana, Siemens non può far mancare il proprio contributo. Parteciperò volentieri a questa Anteprima confidando che i nostri contenuti siano interessanti ed utili per tutti gli operatori della filiera del caffè”. Altri importanti nomi del settore saranno quelli di Michele Cannone, Global brand director di LavazzaSpA che afferma “in un momento di forte cambiamento nel mondo del caffè credo sia ancora più importante fare rete, condividere esperienze e discutere su come poter favorire uno sviluppo sostenibile del nostro mondo”; e ancora, Massimo Renda, Presidente di Caffè Borbone che riporta: “È un piacere per me partecipare ad un evento che focalizza l’attenzione su temi centrali e attuali legati alla filiera del caffè come l’innovazione e la sostenibilità, che non solo rappresenta un momento importante di scambio e confronto per i professionisti del settore, ma anche un’occasione preziosa per riflettere sulle sfide future del mercato”; e Cosimo Libardo, nel direttivo come Strategic Advisor dell’Organizzazione Mondiale dei caffè speciali e neo eletto Treasurer del Board internazionale della Specialty Coffee Association, che dice “parteciperemoanzitutto perché i Bazzara hanno avuto la visione e la capacità di aggregare l’industria del caffè in Italia, creando storicamente importanti momenti di scambio. In secondo luogo, li considero persone corrette e intelligenti che ho il piacere di ascoltare”. Mauro Bazzara, CEO della torrefazione e relatore all’anteprima, aggiunge “Oggi, anche nel nostro settore caffeicolo, stimolare e sviluppare l’innovazione in diversi ambiti e conoscere ed applicare correttamente il rispetto dei valori legati alla sostenibilità non è sufficiente, dunque: il “fare rete” in un contesto generale sempre più complesso è la chiave per creare una forza propulsiva grazie alla condivisione, al confronto e allo scambio di idee ed esperienza”. Interverranno inoltre Omar Zidarich, Presidente del Gruppo Italiano Torrefattori Caffè; il Conte Giorgio Caballini di Sassoferrato, Presidente del Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale; Fabrizio Polojaz, Presidente dell’Associazione Caffè Trieste e il dott. Massimiliano Fabian, Vice Presidente ICO, International Coffee Organization. L’incontro sarà declinato su alcuni temi portanti che caratterizzeranno la sesta edizione dell’evento a respiro internazionale previsto nel 2023, tra cui: Cultura e controcultura del caffè; Innovare per innovarsi: la transizione digitale del caffè; La rivoluzione verde, la sostenibilità nel comparto caffeicolo. Questi e gli altri argomenti, oltre che essere molto attuali e interessanti, rispondono a pieno alle esigenze del comparto caffeicolo che guarda con ottimismo verso un futuro che fa sempre tesoro della sua grande storia, ma con occhio orientato all’innovazione in chiave “green”: obiettivi che la Bazzara promuove attivamente da decenni. Durante l’evento verranno inoltre presentate in anteprima le nuovissime edizioni aggiornate dei libri dei fratelli Bazzara “La Filiera del caffè espresso”, considerata da molti la Bibbia del caffè espresso, e “La Degustazione del caffè”, entrambi bestseller. I libri, sempre più richiesti, verranno arricchiti da importanti aggiornamenti con la partecipazione di storici e nuovi sponsor. Tantissime anche le occasioni per fare rete e contribuire ad incrementare la cultura del caffè: il team Bazzara vi aspetta numerosi alla TriestEspresso Expo allo stand n° 16, hall 28 bis. About Bazzara: Citata dal National Geographic per rappresentare “La rinomata Trieste del caffè” e inserita da Forbes fra “Le 100 eccellenze dell’alimentare italiano”, la Bazzara è un’azienda triestina a conduzione familiare che produce artigianalmente miscele di caffè di alta qualità. In tre generazioni l’azienda di famiglia fiorisce, affermandosi a livello nazionale e internazionale grazie alla fusione armoniosa delle migliori varietà di Arabica e Robusta nelle sue Bazzara blend, che racchiudono l’essenza dell’arte caffeicola Made in Italy. La Bazzara si sta impegnando, inoltre, in un processo di conversione produttiva sempre più etica e sostenibile, che include politiche di risparmio energetico, di valorizzazione delle risorse umane e la promozione di una nuova linea di prodotti biologici certificati. Da questa consapevolezza, e dall’equilibrio fra spinta creativa e principi antichi, sono nate nuove iniziative e realtà in seno alla Bazzara: dalla prestigiosa Bazzara Academy, prima struttura formativa in Italia certificata in qualità di SCA Premier Training Campus, alla linea editoriale Coffeebooks che include best seller di settore tradotti in varie lingue e più volte ristampati e il summit biennale Trieste Coffee Experts. Realtà che ruotano sempre attorno al caffè, inteso però non più soltanto come prodotto da vendere ma come patrimonio culturale da comunicare.