Lina Rossa vola sull'acqua! L'Università di Trieste vince la regata delle università

Lina Rossa vola sull'acqua! L'Università di Trieste vince la regata delle università
L'Audace Sailing Team dell’Università di Trieste si è aggiudicato per secondo anno consecutivo il Trofeo 1001VELAcup: Andrea Parmegiani e Francesco Ripandelli a bordo di BAI Lina Rossa hanno vinto la tradizionale regata in cui si sfidano imbarcazioni a vela progettate, costruite e condotte dagli studenti universitari.
 
A completare il trionfo del Team c’è il secondo posto conseguito da Petra Gregori e Giovanni Sandrini su Dedalo, imbarcazione campione uscente, che consentono a UniTS di salire sui primi due gradini del podio davanti alla barca del Politecnico di Torino.
Applausi anche per Stefania Padoan e Samuele Sacco con l’Imbarcazione Lina, che hanno concluso le prove raggiungendo un brillante quarto posto in classifica.
 
La manifestazione, giunta alla XV edizione e organizzata dall’Associazione 1001VELACup, dopo la vittoria dell’AST dello scorso anno a Mondello, si svolta nelle acque di casa, ospitata dallo Yacht Club di Monfalcone “Home of Hannibal”.
 
“Questo successo è motivo di gioia e rende orgogliosa tutta la comunità dell’Università di Trieste”, ha commentato il rettore Roberto Di Lenarda, intervenuto alla premiazione. “L’Audace Sailing Team, guidato da docenti con grande entusiasmo e grandissima competenza, è la splendida espressione di un gruppo di studenti e studentesse che mettono idee e lavoro per applicare conoscenze tecniche e tecnologiche nella direzione della sostenibilità al servizio della passione sportiva. Le vittorie ottenute sicuramente continueranno a sostenere l’entusiasmo con cui il team porta avanti i suoi progetti e UniTS non farà mancare il suo supporto”.
 
Grande soddisfazione per l’Audace Sailing Team che vede premiato un lavoro iniziato nell'inverno del 2019 da cui sono "nate" prima la barca Dedalo, poi Lina in fibra di lino fino all’innovativa BAI Lina Rossa, sempre in fibra di lino, varata alla vigilia della competizione.
 
Lina Rossa è infatti il frutto di un notevole sforzo progettuale, con strumenti avanzati per l'analisi strutturale (FEM) e modellazione 3D su Rhinoceros di ciascun componente dell'imbarcazione.
 
Michele Bonetti, team leader dell’AST, ha voluto esprimere la gioia di tutto il gruppo “che ha migliorato il progetto dello scorso anno ed è stato curato sotto tutti i punti di vista: progettuale, realizzativo, comunicativo, economico e infine anche velico”.