In corso di riqualificazione il ricreatorio De Amicis, investimento di 100 mila euro

In corso di riqualificazione il ricreatorio De Amicis, investimento di 100 mila euro
Il punto della situazione sui lavori in corso al ricreatorio comunale De Amicis nel rione di San Vito a Trieste è stato fatto oggi (lunedì 17 gennaio) nel corso di una conferenza stampa, svoltasi sul posto, alla quale sono intervenuti gli assessori ai Lavori pubblici Elisa Lodi e all’Educazione e Giovani Nicole Matteoni e l’ing. Diego Fabris per il Servizio Edilizia scolastica e sportiva del Comune di Trieste
 
L’intervento, che si realizza nell’ambito di un accordo quadro di manutenzione straordinaria dei ricreatori comunali, appaltato alla Ennio Riccesi Holding S.r.l. per un valore di circa 100 mila euro, consentirà di riqualificare una ulteriore parte del ricreatorio De Amicis, fondato nel 1914.
 
“E’ stata finalmente riaperta la scala di accesso al ricreatorio De Amicis da via Colautti - ha spiegato l’assessore Elisa Lodi – con nuovi gradini, nuovo pianerottolo e nuove ringhiere, dando così maggiore comodità ai ragazzi e alle famiglie. Stiamo ora verificando anche lo stato dei locali della ludoteca, da molti anni inagibili, a causa di un incendio che li aveva compromessi nel novembre del 2007, per restituirli al più presto al pieno utilizzo del ricreatorio”. “Dopo i lavori ultimati anche quest’estate al ricreatorio Pitteri di San Giacomo, intendiamo quindi proseguire con la valorizzazione e la manutenzione funzionale dei nostri storici ricreatori, patrimonio unico e fiore all’occhiello di Trieste, prevedendo anche le necessarie e certe risorse a bilancio per il prossimo triennio”.
 
“E’ importantissimo mantenere i ricreatori, specialità e orgoglio di Trieste, unici in Italia -ha aggiunto l’assessore Nicole Matteoni – che accolgono tantissimi ragazzi, oltre 2500 complessivamente prima del Covid (1236 dopo) e ancora per il Sis (Servizio integrativo scolastico) 1452 prima e 1156 dopo, mentre per il solo ricreatorio De Amicis le presenze erano 210 nel pre Covid e 175 ora”. A Trieste ci sono ben 13 i ricreatori, che svolgono un’attività fondamentale di aggregazione e di educazione dei nostri ragazzi, che va al di la della formazione scolastica e che sono fondamentali per la crescita. Da qui il nostro impegno per continuare a svilupparli, migliorarli e a mantenerli efficienti nei loro preziosi servizi”.
 
Le opere al De Amicis hanno riguardato e la scala d’accesso principale alla struttura, quello da via Colautti, era da molti anni interdetto in quanto presentava diverse difformità che la rendevano fuori norma (le alzate dei gradini erano irregolari e una rampa era troppo lunga), costringendo l’utenza ad utilizzare l’accesso secondario di via Ressel. Sono stati fatti tutti gli adeguamenti necessari, come la regolarizzazione delle alzate dei gradini e l’inserimento di un nuovo pianerottolo e la creazione di una nuova rampa. Inoltre è stato rifatto il rivestimento dei gradini in pietra bocciardata e i parapetti in acciaio. Nel contempo sono stati avviati i lavori di svuotamento dei locali al piano terra dell’edificio di via Combi, già destinati a ludoteca e per valutare gli interventi necessari alla loro ristrutturazione e riportarli entro la primavera al loro previsto riutilizzo.