Lunedì consegna degli oboi restaurati a tre scuole musicali della città convenzionate con il Conservatorio Tartini

Lunedì consegna degli oboi restaurati a tre scuole musicali della città convenzionate con il Conservatorio Tartini
Cinque oboi restaurati dal Conservatorio Tartini di Trieste, grazie anche all’apporto del Rotary Club Trieste Alto Adriatico, saranno donati lunedì 27 giugno, alle 16.30 nell'Aula Magna di Via Ghega, a tre Scuole convenzionate con il Tartini: il Liceo musicale “Carducci-Dante” di Trieste, la scuola slovena Glasbena Matica e la scuola AGM Centro per gli studi artistici, musicali, coreutici e linguistici.
 
L’oboe, strumento a fiato di antiche origini, apprezzato da grandi compositori come Vivaldi, Bach e Mozart che proprio per questo strumento hanno scritto pagine importanti sarà quindi elemento centrale nella collaborazione fra il Conservatorio di Trieste e i tre Istituti convenzionati: una sinergia avviata nei mesi scorsi che ha prodotto due Concerti degli Studenti di queste scuole in Conservatorio oltre gli esami nelle due sedi dei Conservatori regionali di Udine e di Trieste che gli studenti hanno sostenuto con ottimi risultati grazie alla convenzione tra gli Istituti e al profondo lavoro svolto dai delegati alla Musica con il territorio Prof.ssa Sinead Nava e Prof. Vittoriano Vinciguerra.
 
Lunedì prossimo, al Tartini, interverranno il Presidente del Conservatorio Lorenzo Capaldo e il Direttore Sandro Torlontano, con il Docente di Oboe del Tartini Pietro Milella, la Presidente del Rotary Trieste Alto Adriatico Maura Busico, i professori Maria Teresa Kervin e Michele Gallas del Liceo Musicale “Carducci-Dante”, il Direttore della Glasbena Matica Manuel Figheli, il Presidente Sikai Lai e la professoressa Bayarma Rinchinova della Scuola AGM.
 
Ulteriori donazioni seguiranno l’anno prossimo: un incentivo perché gli studenti possano avvicinarsi allo studio della musica e in particolare a strumenti musicali che non sono di facile approccio e acquisto, ma hanno grande importanza nel contesto della letteratura musicale. In questo modo potrà essere portata avanti anche un’utile condivisione dei programmi didattici tra le scuole e il Conservatorio.